Author Archives: nautilus

LA CRITICA RADICALE IN ITALIA. LUDD 1967-1970, pagine 566, € 25,00.

Un grande sconvolgimento attraversa la società italiana alla fine degli anni Sessanta. Il recente, tumultuoso sviluppo economico non era stato accompagnato da un aggiornamento politico e sociale proporzionato. Questo ritardo della situazione nazionale condurrà il movimento a prolungarsi testardamente per tutto il decennio successivo laddove, negli altri paesi, i movimenti paralleli si erano già lasciati acquietare, assimilare e addomesticare. I mutamenti della politica, del costume, della cultura, furono molti e profondi, anche se, a prima vista, gli insorti appaiono oggi...
Read More

UNA NUOVA SEZIONE DEL SITO DI NAUTILUS. Progetto critica radicale.

    Il progetto editoriale critica radicale Oltre una decina di anni fa, nella redazione di Nautilus, si riunirono una decina di persone per discutere di un progetto di riedizione dei materiali di quei gruppi rivoluzionari che negli anni ’70 si rifacevano a quella che nel tempo è stata chiamata la critica radicale. Nacque così il Progetto Critica Radicale. Il primo compito che ci si dette fu quello di raccogliere il materiale riguardante le esperienze di Ludd, Organizzazione Consiliare, Comontismo, Puzz, Insurrezione...
Read More

Nautilus a LIBRINCONTRO 11/12/13 maggio. Torino

Nautilus sarà presente a LIBRINCONTRO con tre iniziative: Venerdì 11 maggio h. 17,30. Workshop. Make your cover. Sabato 12 maggio h. 18,30. Presentazione del libro “la CRITICA RADICALE in Italia: LUDD 1968-1970”  Nautilus-Autoproduzioni.  Relatori Paolo Ranieri e Leonardo Lippolis, autori della pubblicazione. Domenica 13 maggio h. 17,00. Workshop.: Cut up. Per saperne di più
Read More

LIBRINCONTRO. 11-12-13-maggio. Zona ex MOI

  Il luogo scelto per Libricontro condivide con le altre periferie torinesi una realtà di abbandono e marginalità: case costruite in disfacimento, case abbandonate, case occupate, case sgomberate; dietro ogni atto c’è nascosto un gesto di imperio del potere o un interesse economico e dure lotte per superarli. E’ frutto delle scelte legate alle olimpiadi invernali del 2006 che inaugura un nuovo modello di sfruttamento dell’ambiente urbano in cui il ritmo di mutazione degli scenari urbani segue in maniera frenetica “gli...
Read More

Miguel Amoros: PRIMITIVISMO E STORIA. Pagine 72, € 7,00.

Parlando di primitivismo bisogna distinguere tra chi cerca di conoscere le società arcaiche per trovare armi concettuali con cui affrontare il mondo e trasformarlo, e chi nei modi di vita selvaggi cerca l’innocenza e la beatitudine perdute nel corso della storia. In un caso si tratta di sviluppare la critica sociale e dimostrare che altri modi di vivere sono possibili; nell’altro si tratta di un’ideologia autocompiacente che nasconde il conflitto sociale e impedisce che giunga alla coscienza degli sfruttati. La...
Read More

Georges Bataille: IL MORTO. Pagine 32, € 3,00.

Inquietante e osceno, è ciò che si sarebbe tentati di pensare nel leggere questo racconto di Georges Bataille perché testo come in altre sue opere accomuna, spingendole al parossismo, sessualità e morte. Può sembrare crudele, oltraggioso, scandaloso, blasfemo, ma leggendolo con attenzione, si scopre molto più di questo. Al di la del carattere perverso, o pornografico, ciò che si rileva è un approccio diverso all’eros: piacere e dolore sessuale, entrambi intimamente connessi, appartengono al dominio del sacro. Non riconoscerlo non...
Read More

George McKay: RADICAL GARDENING. Politiche, utopia, ribellione nell’orto e nel giardino. Pagine 152, € 10,00.

Nella percezione pubblica comune, il giardinaggio contemporaneo viene inteso come un’attività ricreativa suburbana, un’alternativa alla televisione o a Internet. La quotidianità del giardino non è solo patio, grigliate, staccionate bianche e bordi erbosi. Dai vasi da davanzale alla serra, dal complotto politico al flower power, questo libro scopre e celebra momenti, movimenti e azioni dell’approccio popolare all’orticoltura e ai giardini. Intreccia la storia dell’orto e del giardino alla controcultura, quella di singole piante, alla discussione delle politiche governative, la storia...
Read More

Torino, giovedì 14 dicembre dalle 21: presentazione di CONTROINDAGINE (MINIMA) DI UN MALATO SUL “MALE INCURABILE”. Della patogenesi sociale e dell’eziologia politica del demone-cancro. Di Franco Cantù

Giovedì 14 dicembre 2017 presso la Blackout House di via Cecchi 21/a, Torino. Ingresso libero. La resistenza non è solo quella bella, dannata, un po’ romantica, che si esercita in armi contro gli oppressori, come quella dei guerriglieri kurdi o dei partigiani contro tutti i fascismi. E’ una cosa a cui ogni essere pensante è chiamato quotidianamente. L’arroganza del potere si presenta con aspetti molteplici e multiformi, talvolta con insospettabili sorrisi suadenti, talvolta più esplicitamente con la divisa del poliziotto o col camice...
Read More

Franco Cantù: CONTROINDAGINE (MINIMA) DI UN MALATO SUL “MALE INCURABILE”. Della patogenesi sociale e dell’eziologia politica del demone-cancro. Pagine 64, € 3,50.

La resistenza non è solo quella bella, dannata, un po’ romantica, che si esercita in armi contro gli oppressori, come quella dei guerriglieri kurdi o dei partigiani contro tutti i fascismi. E’ una cosa a cui ogni essere pensante è chiamato quotidianamente. L’arroganza del potere si presenta con aspetti molteplici e multiformi, talvolta con insospettabili sorrisi suadenti, talvolta più esplicitamente con la divisa del poliziotto o col camice bianco del medico. Opporsi, stroncare le menzogne, acuire il pensiero critico, prendere autonomamente...
Read More

LA RIVOLTA DELLE MACCHINE. Presentazione al Fenix di Torino

al FENIX Giardini reali (Corso San Maurizio angolo via Rossini) Giovedì 12 ottobre ore 19 aperitivo bellavita; ore 21 presentazione del libro di Frans Masereel e Romain Rolland. Ci si può fidare della tecnologia? Siamo certi di essere in grado di controllarla sempre e comunque? E se così non fosse cosa succederebbe agli umani? A queste domande Rolland e Masereel avevano dato una risposta immaginando, negli anni ‘20 dell’altro secolo, cosa sarebbe successo se le macchine si fossero ribellate. Le stesse...
Read More