GUY DEBORD: INTRODUZIONE A UNA CRITICA DELLA GEOGRAFIA URBANA. Pagine 48.

3.50

283 disponibili

Dettaglio Libro

Pagine
Autore

Aprire la metropolitana di notte, dopo la fine del passaggio dei treni. Mediante una determinata sistemazione delle scale di soccorso e con la creazione di passerelle ove necessario, aprire alle passeggiate i tetti di Parigi.Lasciare aperti di notte i giardini pubblici, Mantenerli al buio. (ln alcuni casi una debole illuminazione costante può essere giustificata da considerazioni psicogeografiche). Munire i lampioni di tutte le strade di interruttori; l’illuminazione sarebbe così a disposizione del pubblico.Conservare le stazioni ferroviarie come sono.Abolizione dei musei, e ripartizione dei capolavori artistici nei bar.Libero accesso illimitato di tutti alle prigioni con possibilità di soggiorno turistico. Nessuna discriminazione fra visitatori e condannati.Cosa rappresenta meglio l’infelicità di questa sorta di monumenti eretti a tutto ciò che nel mondo non si domina ancora, al grande margine inumano della vita?

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “GUY DEBORD: INTRODUZIONE A UNA CRITICA DELLA GEOGRAFIA URBANA. Pagine 48.”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.