JOHN ZERZAN: AMMAZZARE IL TEMPO. Pagine 48.

3.00

Del tempo conosciamo la storia della sua misurazione, di ciò che significa in termini di trascorrere, di tempo nostro venduto ad altri, o sottratto da qualcuno. Ma di LUI nessuno sa nulla, nessuno è riuscito a definirlo. Se poi consideriamo la cosa dal punto di vista della fisica moderna, per essa il tempo letteralmente non trascorre, non vale la pena neanche parlarne: non esiste e basta.

La sua misurazione sembra essersi perfezionata di pari passo alla capacità del Potere di estendere il proprio dominio, da quello religioso prima, a quello laico successivamente.

All’inverso, più i mezzi per misurarlo si sono fatti sofisticati e maggiormente il tempo ha fatto sentire il suo pulsante trascorrere. Esiste un rapporto preciso tra tempo e società alienata. Zerzan ragiona su questo e descrive il Tempo nella filosofia, nella teologia, nell’economia, nella fisica, nella teoria radicale e nel suo rapporto con l’alienazione individuale e collettiva a cui sono sottoposti.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “JOHN ZERZAN: AMMAZZARE IL TEMPO. Pagine 48.”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.