Tag: Nautilus

CONTRO TUTTI

CONTRO TUTTI GLI ASPIRANTI POLITICI E I LORO PRESUNTI MOVIMENTI In questo periodo in Italia assistiamo ad una serie di proposte di legalizzazione delle occupazioni degli spazi autogestiti proveniente da varie forze della sinistra istituzionale (PDS, Rifondazione, Verdi, Rete, eccetera) e da alcuni centri sociali. Legalizzare vuol dire ricondurre sotto l’imperio della legge di Stato tutte quelle esperienze di vita che in varia misura vi si sono sottratte. Per noi, ciò significa, nella pratica, rendere impossibile l’autogestione soffocare ogni tensione di rivolta. È chiaro, infatti, come queste proposte si inseriscano in un più ampio contesto. Lo Stato, da una parte,...

Continue Reading →

Suicidio modo d’uso, sequestrato

“Rassicuratevi, noi non amiamo la morte. Preferiamo sapere che dei bambini si amino, che un prigioniero evada, che le banche brucino, che la vita insomma si manifesti”. Dopo il burro di Bertolucci, la frittata del pretore di Portici Riccardo Russo, che ordina su tutto il territorio nazionale il sequestro del libro Suicidio modo d’uso di Claude Guillon e Yves Le Bonniec edito in italiano dai tipi della Nautilus, ipotizzando per autori, editori e proprietario dell’opera una serie incredibile di reati: dalla violazione dell’articolo 580 del codice penale sull’istigazione al suicidio, alla violazione dell’articolo 15 della legge sulla stampa in relazione...

Continue Reading →

Treni ad alta velocità

L'epopea di paccottiglia elaborata dall’ideologia dei cavalieri d’industria, golden boy e simili ronzini avrà finalmente portato i suoi frutti. La desertificazione delle campagne l’ammucchiarsi in periferie e città invivibili, l’omologazione delle esistenze, la scomparsa di ogni comunità possibile come di ogni individualità profonda, la vita dominata totalmente dagli imperativi economici, il tempo detto libero e gli svaghi divenuti essi stessi merci, il crescente sentimento dell’assurdità di una simile vita. Vi è una specie di armonia finora poco turbata fra potenti che dettano quel che deve essere la vita e poveri che hanno perso l’idea di ciò che potrebbe essere; industriali...

Continue Reading →

Trent’anni Grazie a tutti

Alla fine degli anni 70 e all’apertura del decennio 80, in Italia e in tutta Europa le ideologie di destra e di sinistra avevano ancora una volta rivelato la loro natura di falsa coscienza, di impasto deviato di teorie e pensieri delle classi dominanti. La lotta armata, come alcuni avevano previsto, si stava chiudendo da sé, non soltanto per tradimenti incrociati e i pentimenti interessati, ma soprattutto a causa della direzione militarista-centralista-burocratica intrapresa. Non soltanto prevista, ma addirittura scontata, era la totale integrazione delle sinistre “ufficiali” e ancor più di quelle cosidette “rivoluzionarie” nel panorama desolato di un paese che...

Continue Reading →

Nautilus 25 anni

Nel 1981 iniziava il viaggio di Nautilus, un collettivo che da 25 anni porta avanti un’attività – per lo più editoriale – legata ai principi dell'autogestione e alla pratica dell'autoproduzione. Chi nel 1981 accese i motori di Nautilus e si diresse in mare aperto con gli altri marinai saliti qualche tempo dopo, era – e continua ad essere – animato dal desiderio di agitare e sostenere la libertà, contribuire alla crescita di una comunità umana che elimini, nella vita quotidiana e nei rapporti sociali ed economici, la disuguaglianza, l’oppressione, il dominio. Ognuno con un diverso temperamento e sensibilità, ma tutti...

Continue Reading →

Contro il Salone del Libro

L’autobus passa lentamente attraversa la strada rattoppata di carta i lebbrosi singhiozzano con piacere e toccano il volto dei potenti editori le loro facce rabbiose, senza segni, le loro gambe coperte. Dopo il salone dell’automobile e gli alpini eccoci alla terza mostra mercato (auto-uomini-libri): la Fiera Internazionale del libro, la passerella della cultura, l’industria delle parole, il business del linguaggio. L’editoria ufficiale è funzionale al sistema in quanto mezzo per sviluppare il consenso e per creare i presupposti di un sapere inteso come conoscenza dei soggetti da dominare. L’industria culturale è veicolo di trasmissione dei contenuti e delle forme di...

Continue Reading →

Lo Spettacolo Merce

Hai sentito! Alla Lega lungo il Po c’è un happening multimediale. Queste sono stronzate! Attualmente io e altri mille tecnici stiamo allestendo le scenografie del più grosso revival del musical mai concepito, tutto basato sul rilancio della figura carismatica di Fred Astaire! Te lo ricordi? Non importa, Lo spettacolo, già tutto scritto durerà 3 settimane, ne verranno tratti: un olofilm di trentasei ore, tredici laser dischi con la colonna sonora, ventiduemila fanzine con poster 3-3d e merchandising complessivo per quaranta miliardi di dollari l’anno! La prima è annunciata a Broadway ed è riservata alla crema dei mass-media, circa ventimila persone,...

Continue Reading →

SUICIDO MODO D’USO

Questo libro che in Francia è stato acquistato da 200.000 persone ha contribuito a sviluppare quel dibattito sull’eutanasia, la morte dolce, l’accanimento terapeutico che oggi nonostante i pesanti tentativi censori sta sviluppandosi anche in Italia. Non è un libro che rivendica il “diritto al suicidio” perché non c’è legge che neghi questo “diritto” e perché chi intende togliersi la vita non ha bisogno del permesso di alcuno. Ma chi intende negarsi alla sopravvivenza ha invece diritto di darsi la morte senza inutili sofferenze e quindi sapere quello che il potere medico rifiuta di far conoscere. La facoltà di praticare un...

Continue Reading →

NEL NOME DEL N.O.M. – NUOVO ORDINE MONDIALE

Eccoci qua nuovamente a comunicare dissenso, antagonismo, sovversione; ci proviamo questa volta con la forma spettacolo. Noi vogliamo creare una situazione, un momento per confrontarci, sulla repressione che ci soffoca, sulla spartizione del mondo che passa sulle nostre teste. Vogliamo uscire dai quadratini di cielo concessi, lasciando perdere le inutili polemiche tra gruppi, frazioni di gruppi, singole persone, signori: il nemico ci guarda e ride, e crea il NUOVO ORDINE MONDIALE. Questa nuova realtà di intenti e composizione del dominio mondiale si inserisce nell’insieme di quelle trasformazioni profonde che stanno attraversando il pianeta in tutta la sua dimensione ecologica, sociale...

Continue Reading →

BRUCIA EUROPA BRUCIA

Dove sono finite le strade che portavano ai misteri di Eleusi quando ci si purificava inebriandosi alle visioni provocate dall’assunzione del sacro Kykeon nascoste ora queste strade da nauseabonde raffinerie petrolchimiche i cui liquami immerdano anche le bianche scogliere innevate al nord della Scozia dove un tempo di nero si stagliava maestoso e solenne solo il volo del corvo. Che fine hanno fatto le foreste di Renania e Magdeburgo le cui imponenti querce si lanciavano sopra le nebbie su fino a toccare il tappeto di cupe nuvole che si stendevano alte oltre l’orizzonte giacciono ora distese orizzontali suddette querce accatastate...

Continue Reading →